Condizioni contrattuali

Il Mandatario vende all'Asta, in base alle proprie Condizioni di Vendita, gli oggetti nella distinta allegata in nome e per conto del Mandante-Venditore. Il Mandante-Venditore dichiara espressamente di conoscere le Condizioni di Vendita e di averle pertanto preventivamente accettate.

Il Mandante-Venditore dichiara e garantisce d'essere legittimo proprietario degli oggetti, di cui al presente mandato, e che non esistono diritti di terzi sugli stessi.

Il Mandante-Venditore si obbliga a consegnare al Mandatario, a sue spese ed a suo rischio, gli oggetti entro due settimane dalla firma del presente Mandato. Il termine di cui sopra costituisce termine essenziale per il Mandatario ai sensi e per gli effetti di cui all'articolo 1457, secondo comma, C.C.. Trascorsi 60 giorni dall'Asta, il Mandatario avrà il diritto di rispedire al Mandante-Venditore gli oggetti con un corriere, ovvero di depositare gli stessi presso uno spedizioniere. In entrambi i casi, i costi ed i rischi sono a carico del Mandante-Venditore.

Il Mandatario garantisce di essere coperto da un'assicurazione contro fuoco, fulmini, esplosioni, furto, rapina, danneggiamenti da acqua ed atti vandalici. La copertura assicurativa decorre dal momento del deposito degli oggetti presso il Mandatario. Il Mandatario risponderà direttamente solo in caso di dolo o di colpa grave. La copertura assicurativa è interamente a carico del Mandatario, con esclusione di eventuali cornici non fornite ai fini esclusivi d'asta.

I prezzi dei lotti nel catalogo dell'Asta saranno stimati dagli esperti del Mandatario secondo scienza e coscienza, fermo restando che oggetti in oro e/o argento potranno essere stimati, in casi eccezionali, anche sulla base del valore intrinseco; il valore degli oggetti sarà stimato in euro. Ogni oggetto è corredato da un prezzo minimo di vendita (riserva), fissato di comune accordo tra il Mandante-Venditore ed il Mandatario, prezzo al di sotto del quale, salvo diverso accordo scritto, l'oggetto non potrà essere venduto. Nel caso in cui il Mandante-Venditore non abbia fissato un prezzo minimo, il direttore di vendita potrà aggiudicare l'oggetto secondo il suo competente giudizio.

Con riferimento agli oggetti non venduti attraverso l'Asta, il Mandante-Venditore concede al Mandatario, per un periodo di 60 giorni successivi alla data dell'Asta, la facoltà di procedere alla loro vendita a mezzo trattativa privata. In questo caso il prezzo di vendita sarà quello minimo stimato in catalogo con una riduzione del 10% ovvero della maggiore percentuale da concordarsi con il Mandante-Venditore. La percentuale di diritto d'Asta a favore del Mandatario rimane invariata. Le Condizioni di Vendita rimangono valide anche per le vendite a mezzo di trattativa privata.

La provvigione spettante al Mandatario è pari al 16% (più I.V.A. a norma di legge) del prezzo aggiudicato in Asta o in sede di vendita a mezzo trattativa privata. In tale provvigione sono comprese le spese assicurative e dell'illustrazione del catalogo. Il diritto alla provvigione matura al momento dell'aggiudicazione e/o della vendita a mezzo trattativa privata.

Le descrizioni degli oggetti e la scelta delle fotografie da inserire nel catalogo saranno a libera discrezione del Mandatario. Il Mandante-Venditore si assume la piena responsabilità delle informazioni inerenti gli oggetti da lui fornite e lo stesso manleva il Mandatario da tutte le pretese fatte valere da terzi sugli oggetti depositati presso il Mandatario. In caso di controversia giudiziaria il Mandante-Venditore si accolla e risponde di tutte le spese inerenti alla controversia stessa e si impegna a risarcire al Mandatario tutti gli esborsi che lo stesso abbia dovuto sostenere per eventuali proprie difese.

La vendita è perfezionata all'atto del pagamento da parte dell'Acquirente. Il Mandatario trasferirà al Mandante-Venditore a partire da 60 giorni dalla data dell'Asta e/o della vendita a mezzo trattativa privata l'importo incassato al netto di provvigioni d'asta e/o ulteriori spese sostenute, soltanto nel caso in cui il pagamento sia stato effettuato per intero dall'Acquirente. Il Mandatario non è responsabile per eventuali ritardi nel pagamento. Eventuali posizioni debitorie del Mandante-Venditore nei confronti del Mandatario saranno soggette a compensazione. Il Mandatario informerà, senza ritardi, il Mandante-Venditore dell'esecuzione del mandato.

Il presente mandato è valido fino a tre mesi dopo la data dell'Asta. Qualora il Mandante-Venditore ritirasse in toto o parzialmente gli oggetti prima della data dell'Asta, il Mandante-Venditore stesso si obbliga a pagare al Mandatario un risarcimento pari ai diritti d'Asta raddoppiati, oltre alle altre eventuali spese sostenute. La base per tale calcolo sarà il prezzo minimo stabilito in catalogo.

Il presente contratto potrà essere consensualmente modificato tra le parti; eventuali modifiche al presente contratto dovranno essere peraltro pattuite per iscritto.

L'eventuale nullità, anche parziale, di una o più disposizioni del presente contratto non incide sulla validità del contratto nel suo complesso.

Nel caso in cui il Mandatario corrisponda, all'atto del deposito degli oggetti, una cauzione in denaro al Mandante-Venditore, la suddetta somma dovrà essere restituita al Mandatario maggiorata degli interessi nella misura dell'interesse legale annuo.

Il Mandante-Venditore ha il termine di 10 giorni, pena la decadenza, dalla data di comunicazione dell'avvenuta esecuzione del mandato, per presentare eventuali contestazioni in ordine all'espletamento del mandato medesimo; qualora le contestazioni siano pervenute decorso detto termine, tutti gli atti posti in essere dal Mandatario in esecuzione del mandato s'intendono ratificati.

Per ogni eventuale controversia sarà competente il Foro di Trento.